Noleggiare un’auto in Marocco: consigli utili

Terminata la giornata di visita a Fès e lasciato l’hotel, prendiamo un taxi per l’aeroporto, dove abbiamo prenotato la macchina a noleggio per le h 19:00.

Il grand taxi ci costa 150 MAD (13,50€); difficile trovarne a meno perché  i più economici petit taxi, usati fin ora, non possono raggiungere l’aeroporto che si trova fuori dalla zona urbana.

Di seguito ecco diverse  informazioni che riteniamo  utili riguardo il noleggio della macchina:

COME SCEGLIERE L’AGENZIA DI NOLEGGIO

Dopo varie ricerche su internet abbiamo deciso di prenotare la macchina tramite Europcar, non direttamente sul sito ufficiale ma attraverso il sito Ryanair con il quale è possibile confrontare in modo più comodo e rapido le varie offerte delle agenzie. Inoltre, la prenotazione tramite Ryanair offriva un’assicurazione Axa completa a 60€ che, in caso di danno o furto, avrebbe rimborsato tutti i soldi compresa la franchigia.

COSTI

In totale abbiamo speso 321,68€ (compreso i 60€ di assicurazione) per 6 giorni, per una Renault Clio 1.4 Diesel (con appena 27000 km),  ritirata all’aeroporto di Fès e lasciata a Marrakech (il servizio di ritiro e deposito in due località diverse comporta un sovrapprezzo).

LIMITAZIONI DEL CONTRATTO

Il contratto di noleggio prevede un singolo guidatore che deve necessariamente essere la stessa persona alla quale è intestata la carta di credito con cui effettuate il pagamento. Un ulteriore sovrapprezzo di circa 60€ è previsto nel caso in cui vogliate aggiungere un secondo guidatore. Noi abbiamo deciso di non pagare per questa opzione anche se durante il viaggio è capitato che guidasse l’altro e, per fortuna, nessun poliziotto ha mai controllato chi fosse l’intestatario del noleggio. Comunque se decidete di rischiare dovete tener presente che il problema maggiore lo avrete con l’assicurazione in caso di incidente, perché potrebbe rifiutarsi di coprire i danni.

Altro limite che in un paese come il Marocco può incidere notevolmente, è il fatto che l’assicurazione non preveda l’utilizzo dell’auto su strade sterrate: altro divieto che abbiamo inevitabilmente infranto per raggiungere diversi luoghi d’interesse come il deserto e le gole del Dades.

IMPREVISTI

Il prezzo dell’affitto doveva essere di circa 40€ in meno rispetto al totale (321€), ma durante le procedure di pagamento in aeroporto abbiamo avuto qualche imprevisto: l’agenzia richiedeva un deposito cauzionale di 1447€ (la cifra varia da modello a modello). La nostra carta di credito non permetteva la transizione a causa del tetto massimo limitato a mille euro, quindi per poter affittare la macchina siamo stati obbligati a dimezzare la cauzione a 723€, pagando però una sovrattassa di circa 40€.

CONSIGLIO: prima di partire informatevi presso la vostra banca per evitare di commettere lo stesso errore.

SCELTA DELL’AUTO

Il segmento d’auto che abbiamo scelto (Fiat Punto, Peugeot 208, Renault Clio diesel o simili) non era il più economico offerto dall’agenzia. Volendo spendere meno si può scegliere il segmento più economico (tipo Citroen C1 o simili), ma avendo intenzione di fare molti chilometri, anche su sterrato, non sarebbe stato conveniente né per comodità, né per sicurezza, né per consumi.

CHILOMETRI PERCORSI E COSTI CARBURANTE

Nel complesso abbiamo avuto una buonissima esperienza con questa agenzia: la macchina era nuova, ben tenuta e soprattutto molto efficiente nei consumi. In totale abbiamo percorso 1682 km consumando 76 litri di carburante (mantenendo quindi una media complessiva di 22,13 km/l). La spesa totale per il rifornimento è stata di 700 MAD (63€); il prezzo del diesel si aggirava attorno ai 9,3 MAD/l(Settembre 2017), decisamente più conveniente che in Italia!

COME GUIDARE IN MAROCCO. LE STRADE E I LIMITI DI VELOCITÀ

In Marocco non sono presenti autostrade se non per brevi tratti che collegano le principali città come per esempio Casablanca con Marrakech (l’unica autostrada percorsa durante il nostro itinerario). Le statali sono comunque ben asfaltate anche se un po’ strette.

Essendo strade statali, i limiti di velocità sono molto bassi (massimo 100 km/h); vi consigliamo di non superarli perché c’è letteralmente un posto di blocco ad ogni curva con gendarmeria dotata di pistola rileva velocità pronta a fermarvi e multarvi.

Noi stessi abbiamo preso una multa di 150 MAD (13,50 €) per eccesso di velocità (andavamo ai 67 km/h con il limite di 60).

Nei vari posti di blocco, oltre a rilevare la velocità, effettuano controlli generici a documenti ed altro ma, spesso e volentieri, vedendo dei turisti alla guida, lasciano passare senza nemmeno far fermare il mezzo.

PERCHÉ SCEGLIERE LA MACCHINA

L’alternativa alla macchina sono i bus per le lunghe tratte e i Grand Taxi per quelle più brevi: senza dubbio soluzione più economica rispetto al noleggio di un’auto ma, a nostro parere, più limitativa sotto vari punti di vista:

  1. orari non coincidenti con le proprie esigenze;
  2. impossibilità di raggiungere determinati luoghi isolati;
  3. rischio di fregature varie da parte di locali e tassisti;
  4. perdita di tempo a causa della lentezza dei mezzi.

APP UTILE PER LA NAVIGAZIONE

Il Marocco è stato il primo viaggio nel quale abbiamo utilizzato Maps.me, un app di mappe e navigazione offline completamente gratuita. Durante questo viaggio abbiamo avuto l’occasione di metterla alla prova sotto vari aspetti sia in auto che a piedi. L’app permette di orientarsi perfettamente in luoghi veramente ardui come le medine, presalvare i punti d’interesse dell’itinerario e impostare la ricerca di attività commerciali come benzinai, ristoranti o hotel: tutto rigorosamente offline! Unica pecca: durante questo viaggio il navigatore inciampa consigliando dei percorsi su strade sterrate che, pur essendo più corti come kilometri non sono i più rapidi; per evitare questi errori basta utilizzare l’applicazione solo come mappa, senza impostare la destinazione, e seguire le strade colorate di arancione anziché le bianche.

Tirando le somme, si è rivelata un’app veramente comoda e indispensabile che continueremo sicuramente ad utilizzare per i prossimi viaggi e che sentiamo di consigliare a tutti i viaggiatori indipendenti come noi.

 

Finite le pratiche per il noleggio della macchina arriva il momento di metterci in viaggio in direzione del deserto, di cui vi parleremo nel prossimo articolo.

Se volete farvi un’idea del nostro viaggio on the road vi lasciamo il video.

Seguiteci o metteteci un like!
Instagram
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Follow by Email
Google+
https://melaviaggio.it/2017/11/03/noleggiare-unauto-in-marocco-consigli-utili/

2 pensieri su “Noleggiare un’auto in Marocco: consigli utili

  1. Ciao tra una settimana andrò in Marocco e noleggerò un auto anch’io provando a utilizzare per la prima volta l’applicazione Maps me……potresti spiegarmi meglio come ovviare, con tale applicazione, ai percorsi sterrati consigliati dal navigatore?
    Ciao e grazie anticipatamente
    Nicola M.

    1. Ciao Nicola! Sull’applicazione, come vedrai tu stesso, sono presenti strade arancioni (principali) e strade bianche (secondarie): con le arancioni vai sul sicuro, sono tutte completamente asfaltate. Con le bianche la probabilità di trovare tratti sterrati è alta ( tranne nelle grandi città come ad esempio Marrakech, in cui anche le strade bianche risulteranno asfaltate)
      Per qualsiasi altra informazione non esitare a scriverci. Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *